M5S e la politica del Caro Leader


■Uno vale uno!

■Aprire la politica a tutti attraverso la rete!

■Votare e scegliere leggi tramite internet!

■Votazioni in aula decise a maggioranza dei parlamentari del M5S!

Uno vale uno: solo se uno è Beppe Grillo. In caso contrario uno vale niente e se prova a valere qualcosa, Grillo lo espelle o lo zittisce.

Aprire la politica attraverso la rete: solo se si dice e si pensa quello che pensa e dice Beppe Grillo.
In caso contrario la politica viene chiusa e se qualcuno prova ad aprirla, allora è un troll pagato dai partiti per creare dissenso.

Votare e scegliere leggi tramite internet: solo se sono leggi che sceglie Beppe Grillo. In caso contrario, non si vota e non si sceglie nessuna legge.

Votazioni in aula decise a maggioranza dai parlamentari del M5S: solo se il risultato soddisfa Beppe Grillo. In caso contrario si rifà la votazione fino a quando la decisione presa sarà identica a quella del capo.

Tra poco vorrà essere chiamato Generalissimo!!

Alla prossima
Nino P.

Be Sociable, Share!
Precedente Nuova scissione nel PD? Successivo No! Non sono tutti uguali!

2 thoughts on “M5S e la politica del Caro Leader

  1. fiona il said:

    Io mi pento di averlo votato e di averlo fatto votare. I fatti: abbiamo votato lui e ci ritroviamo Berlusconi, che annulla il programma di Bersani, che sembrava essere anche lo stesso del M5S, e avvalora il suo, con il punto numero 1 che sarebbe la legge sulla giustizia, che sta tanto a cuore di Berlusconi, oltre al cambiamento della Costituzione che gli permetterebbe di fare tutto ciò che vuole. IL cavaliere deve dire un enorme grazie a Grillo x avergli concesso di governare o con un governassimo, come voleva, o attraverso libere elezioni. Mi chiedo, ma Grillo è sicuro che voleva togliere la vecchia politica e mandarla a casa? Ora pensando a Casaleggio che sembra che anni fa si sia messo candidato x Forza Italia in Piemonte, non mi meraviglio che abbiano deciso di mandare al governo Berlusconi. Ma allora che non facesse più tutte quelle chiacchiere nelle diverse piazze, che dica apertamente di essere anche lui un berlusconiano e la facesse finita con tutte quelle volgarità e parolacce. Basta! ormai anche lui ha perduto crebilità, quando poteva dimostrare con i fatti quel che ormai da anni va dicendo in giro, ha fatto marcia indietro con l’alibi che si erano promessi di non dare la fiducia a nessuno. Lo ha fatto! Ha fatto bene. Presto questo movimento scomparirà. Siamo in molti a rimanere delusi. Spero che Ingroia si rimetta candidato, xché non voglio smettere di sperare in una Italia migliore !!

  2. decenni il said:

    è proprio questo il punto. Molti mi criticano per quello che dico, ma io continuo a ripeterlo: abbiamo perso un’occasione unica che non si ripeterà più!

I commenti sono chiusi.